| Valentina Ottoboni | Libri

Triskelion: il ciclo arturiano rivive in forma inedita nelle pagine di Sara Albanese

Nei giorni scorsi ho avuto l'immenso piacere di poter leggere in anteprima il romanzo Triskelion, di Sara Albanese, uscito lunedì 7 dicembre per Calibano editore, marchio del gruppo Prospero Editore. L'ho letteralmente divorato, catturata da una storia in cui il cliclo bretone arturiano rivive entro una trama narrativa appassionante e avvincente.

Triskelion è infatti ambientato a Camelot, alla corte di King Arthur e del suo saggio e fedele consigliere Merlin Emrys, in un momento estremamente critico per le sorti del regno, in balia dei malefici di Lady Morgana, sorellastra del re. A fare da contraltare a questa figura femminile animata da cattive intenzioni, c'è la protagonista, Albray, una stalliera dai capelli color del fuoco, di umili origini, ma dall'animo estremamente nobile, che nella sua ricerca di verità, si esporrà al pericolo, ma che animata dalle migliori intenzioni avrà un ruolo chiave per le sorti dei Quattro Regni, anche grazie all'aiuto di Lady Guinevere, futura moglie di King Arthur ed altro esempio di donna coraggiosa e virtuosa.

Sono stata letteralmente catturata dal magnetismo di Albray, personaggio che nel corso della vicenda si evolverà incredibilmente, stupendosi di volta in volta della sua stessa forza e calamitando i sentimenti del lettore, che non può che cedere al fascino di questa ragazzina dai capelli arruffati che, nonostante vesta i panni di una "serva", è un grande esempio di nobiltà d'animo e di fierezza priva di qualunque arroganza.

La scrittura di Sara è semplice e scorrevole e questo è il grande valore aggiunto di questo libro. Come mi ha insegnato il mio amato Rilke, è difficile scrivere in maniera semplice, ma solo quando questo avviene il messaggio sa arrivare integro e pieno al lettore. E direi che le parole che compongono questa storia centrano a pieno l'obiettivo di trasmettere un messaggio che parla innanzitutto di amore nella sua forma più pura, scevra da preconcetti e da qualsiasi tipo di interesse personale. Bisogna aprirsi all'altro, accoglierlo nella sua alterità, sapersi mettere in discussione, affrontare le proprie paure e i propri demoni per crescere in consapevolezza. Nessuno è responsabile del male che riceve, ma ciascuno può scegliere cosa farne di quel dolore, se alimentarlo e innescare un circolo vizioso, oppure trasformarlo in una opportunità di crescita. E questo è solo uno dei temi trattati in Triskelion, romanzo foriero di grandi insegnamenti, che indaga la natura del potere e il senso della regalità, che invita a guardare all'umano in una dimensione che non possa essere disgiunta dalla sfera spirituale o trascendente, affinché si possa vivere a pieno nel presente, onorando il passato e proiettandosi in maniera consapevole nel futuro

Questa storia non poteva essere scritta che da una donna estremamente intelligente e consapevole del proprio essere, che sembra interrogarsi continuamente sul valore della femminilità e sulla difficoltà delle donne di farsi accogliere nella loro alterità in un mondo patriarcale, dominato dal maschile. Per questo Albray e Lady Guinevere sono così seducenti nella loro onesta spontaneità.

Meritevoli di nota sono le descrizioni dei luoghi, così vivide e realistiche che sembra quasi di poter toccare gli oggetti e gli elementi naturali su cui si posa lo sguardo dei personaggi, avvolti da una luce che li vivica attraverso la scelta delle parole e che rende tutto più coinvolgente ed appassionante. Si avverte sotterranea la grande ricerca letteraria e figurativa fatta con grande serietà da parte dell'autrice, che è una grande appassionata del ciclo bretone e della cultura e religione druida, di cui il Triskelion, che dà il titolo al romanzo, è un simbolo importantissimo.

Non posso quindi che consigliarvi la lettura di questo romanzo, che verrà presentato in Live Stream domenica 13 dicembre alle ore 21:00 sul canale youtube dell'autrice, Ad Maiora (di cui trovate il link sotto alla sezione commenti), che vanta tra gli altri anche il merito di essere un'ottima divulgatrice delle lingue e culture inglese, americana e tedesca. Non perdetevi quindi questo appuntamento!

A breve sul mio blog uscirà anche una mia intervista a Sara, che ha soddisfatto la mia curiosità rispondendo ad alcune domande in merito a Triskelion. Stay tuned!

Vuoi acquistare questo libro? Clicca sul link! Sono affiliata ad Amazon, per cui cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10%. Non pagherai nulla di più, ma aiuterai il mio blog a crescere! Grazie!

  • Triskelion

  • autore: Sara Albanese
  • casa editrice: Calibano Editore
  • pagine: 211

Sara Albanese

Sara Albanese è nata a Treviso nel 1982. Si è laureata presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, diventando poi Docente di Lingua e Letteratura Tedesca ed Inglese. Appassionata di poesia sin da quando era una bambina, Sara Albanese ha vinto numerosi premi per le sue opere. Ha pubblicato numerosi libri: i romanzi "Sofia e il lupo", "All'ombra della luna nuova", "Dove il fiume incontra la montagna" e "Alzate le dosi", la silloge poetica "ControVersi" , il saggio letterario in lingua tedesca e traduzione italiana "Bertolt Brecht: la difficoltà della rappresentazione di un evento drammatico nell’opera d’arte", oltre al racconto "Cavalli, Farfalle, Prismi e Vita". Da marzo 2018 cura il canale YouTube "Ad Maiora", dove settimanalmente pubblica lezioni di lingua tedesca, inglese e italiana sia in lingua italiana che straniera. A dicembre 2020 ha pubblicato per "Calibano editore" il romanzo "Triskelion", dove riscrive, in modo originale e inedito ma con grande conoscenza delle fonti, il ciclo arturiano. Dal 2021 collabora con l’"International Bomber Command Centre – Digital Archive" dell’Università di Lincoln per la diffusione, attraverso il canale YouTube Ad Maiora, di scritti inediti da parte di aviatori della "RAF" della Seconda Guerra Mondiale.

  • curiosità
Sapete che Sara Albanese è una grandissima amante degli animali, soprattutto dei cavalli?

Contatti

  • Valentina Ottoboni
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
...così viviamo noi e sempre prendiamo congedo.

Newsletter