FACCIA: TUTTI I VOLTI DI RICCARDO MAFFONI

Classe 1977, capelli biondi, occhi azzurri e fisico alla Mick Jagger. Quando imbraccia la sua chitarra e porta al collo la sua armonica è in grado di catapultarti in un mondo parallelo dominato da atmosfere blues, folk, country e rock’n roll. Una voce che, come ha detto un nostro amico comune, sembra un treno che deraglia dai binari per la potenza con cui è in grado di attraversare da parte a parte chi ascolta. I suoi testi sono senza dubbio originali e molto ben riconoscibili. Lui è Riccardo Maffoni e nonostante oggi sia un uomo e abbia ricevuto numerosi riconoscimenti, è rimasto il ragazzo semplice e spontaneo che è sempre stato.

Riccardo Maffoni al Teatro Memo Bertolozzi di Manerbio: quando il concerto si fa racconto autobiografico

Sabato 06 aprile ho avuto il piacere di trascorrere un paio d'ore magiche al Teatro Memo Bertolozzi di Manerbio per assistere al concerto di Riccardo Maffoni in onore dei 15 anni dalla pubblicazione del primo album: Storie di chi vince a metà. In un teatro intimo e raccolto in cui non c'era una poltroncina vuota, Riccardo non ha semplicemente tenuto un concerto in acustico, ma ha narrato la genesi di ogni traccia e si è raccontato, ha rivissuto con il pubblico la storia di un ragazzo di 26 anni alle prese con il primo progetto importante, il primo step per realizzare il suo sogno: essere un cantautore.